fbpx
La musica altera la prestazione? Pro e contro

La musica altera la prestazione? Pro e contro

Ascoltare musica mentre si corre, quanti di voi lo fanno?

Attenzione però, non sempre è consigliato. Se da un lato è un ottimo energizzante e rilassante naturale, dall’altro ti distrae causando una performance inferiore alle tue capacità. Vediamo insieme quando e perché ascoltare musica durante l’allenamento.

Quando è utile ascoltare musica mentre si corre?

Sicuramente è consigliato ascoltare musica durante una corsa per quegli atleti meno “professionisti”, i cosiddetti “jogger” in quanto la musica aiuta a diminuire la fatica di un’ora di corsa, inoltre durante la prestazione si è più rilassati essendo meno concentrati sulla corsa ma più sul brano che ascoltiamo.

Ascoltando musica durante la corsa, quest’ultima sarà meno stressante e più piacevole, il tempo correrà più velocemente insieme a noi.

Spesso potrebbe capitare che la stanchezza che si prova mentre si corre tende ad essere maggiore, proprio perché il cervello è troppo focalizzato sul tipo di azione che si sta compiendo, la musica permette al nostro cervello di distrarsi comportando una minor sensazione di fatica.

Di conseguenza ascoltare la musica rappresenta la scelta migliore se vuoi fare in modo che l’attività fisica risulti più “leggera”.

Quando è sconsigliato?

Se ci concentriamo sulla musica otterrò il risultato di distrarmi dalla prestazione; certamente farò meno fatica e sarò positivamente “stimolato”, ma farò fatica ad ottenere una eccellente prestazione perché essendo meno concentrato… andrò più piano.

Per questa ragione si consiglia a coloro che stanno gareggiando per un’importante gara di evitare l’uso di musica per non incorrere nel rischio di essere troppo distratti non ponendo la giusta attenzione al percorso, alle sensazioni del proprio corpo ed al ritmo a cui stanno andando.

Quale musica ascoltare?

Praticare attività fisica ascoltando musica abbastanza adrenalinica, può favorire un deciso incremento delle energie, che verranno impegnate nello svolgimento dell’attività fisica.

Immagina solo di ascoltare una canzone caratterizzata da un bel ritmo incalzante: la voglia di correre sarà superiore proprio grazie a questo genere di sensazione, dato che la musica tende a rendere il corpo maggiormente stimolato.

Ovviamente questo dipende dal tipo di canzone che si ascolta: un brano lento potrebbe avere un effetto negativo e creare delle ripercussioni non ottimali, visto che potrebbe rallentare parecchio il ritmo.

Si devono quindi scegliere quei brani adatti all’allenamento e in grado si potenziare l’energia e il coinvolgimento nell’attività fisica, ed evitare i momenti morti che potrebbero avere l’effetto di rallentare il ritmo.

Curiosità

Nel 2007, alla vigilia della maratona di NewYork, tra le più famose al mondo, fece restare stupefatti tutti gli americani il provvedimento preso dalla Federazione americana di atletica: “Bandito l’uso di auricolari e riproduttori di musica portatile nelle competizioni ufficiali”. Ma ciò che sconvolse i cittadini e creò polemiche fu la motivazione di tale provvedimento. Mentre all’inizio si pensava che il divieto fosse dovuto a motivi di sicurezza, in quanto il concorrente poteva non udire segnalazioni acustiche dello staff, successivamente la federazione chiarì che le nuove regole erano state varate per non concedere “un vantaggio agonistico” a coloro che correvano ascoltando.

Chiudi il menu